Il piacere di arredare con il quadro giusto

Come scegliere il quadro giusto per i tuoi ambienti di casa. Ecco alcune regole da tenere a mente per la scelta e il corretto posizionamento dei tuoi quadri.

Il quadro è l'unico elemento d'arredo che non ha una vera e propria funzionalità, a differenza di un comò, una poltrona o una lampada. Del resto la bellezza dell'arte sta proprio nella sua inutilità: è l'art pour l'art.

Eppure non c'è niente di più utile di un quadro per riscaldare l’atmosfera di una stanza e per comunicare ai tuoi ospiti qualcosa su di te. Quando entri in casa di qualcuno dai uno sguardo ai quadri appesi e potrai scoprire qualcosa del padrone di casa!

Per arredare con stile le tue pareti hai l'imbarazzo della scelta: dipinti, poster, stampe e fotografie. L'imperativo è che si tratti sempre di una tua scelta personale. Scegli un'immagine che parla di te, del tuo modo di intendere la casa e la vita.

Ecco alcuni accorgimenti che ti permetteranno di valorizzare i tuoi quadri ed arredare con stile i tuoi ambienti di casa.

Fotografa la parete dove vuoi appendere il quadro e cerca la posizione giusta

Una regola generale per posizionare correttamente un quadro è di appenderlo ad un'altezza di circa un metro e mezzo da terra. Non scendere mai al di sotto!

I quadri più grandi, con campiture di colore più ampie, possono essere posizionati anche un po' più in alto, poco al di sopra della linea ideale che divide a metà una parete.

Tele ed immagini più piccole e ricche di particolari vanno sistemate all'altezza dello sguardo, per permettere ai tuoi ospiti di apprezzare tutti i dettagli dell’opera.

Una buona idea per aiutarti a posizionare il quadro è fare una fotografia frontale della parete e disegnare l’ingombro del quadro su di essa. In questo modo riuscirai a vedere l’effetto che fa da lontano e gli allineamenti con il resto dell’arredamento.

Evita l'effetto "sala d'attesa" e valorizza il quadro principale

Troppi quadri piccoli, disordinati e senza una continuità di stile rischiano di far sembrare il tuo salotto l'anonima sala d'attesa di un dentista. Personalmente scelgo spesso un solo quadro principale per ogni stanza. Una bella immagine, specie se di grandi dimensioni, può arredare da sola un salone. Ma devi tenere a mente alcuni accorgimenti: dai respiro al quadro principale e scegli un punto importante della stanza.

In ogni ambiente c'è un punto focale che attira lo sguardo, di solito coincide con il divano, il letto o il caminetto: è lì che devi sistemare il tuo quadro “principale”.

Se hai scelto quadri più piccoli da sistemare insieme, piuttosto che affiancarli l'uno all'altro, puoi creare una composizione a varie altezze con una forma geometrica ideale - come una spirale o una griglia. Usa sempre il quadro più grande come perno centrale e prova ad ancorare i più piccoli attorno.

Un tocco in più

Prima di appendere un quadro, specie se di grandi dimensioni, fai una prova: appoggialo semplicemente ai piedi della parete e lascialo per qualche giorno. Osservalo da lontano. permetti ai tuoi occhi di abituarti alla novità e valuta se il muro che hai scelto è davvero quello giusto per accoglierlo.

I colori di un quadro possono stravolgere l’arredamento di una stanza

Per scegliere il quadro giusto, un buon inizio è individuare e decodificare i toni cromatici che predominano nel quadro che hai scelto e accostarli ai predominanti della stanza da arredare.

I colori non devono stridere con quelli dell'arredamento, ma se non trovi gli stessi toni puoi provare a combinare le tinte in maniera complementare. Per esempio alcuni toni di rosso stanno bene con il blu, alcuni tipi di giallo con il viola. Provare per credere!

Usa quadro molto colorato per rompere uno sfondo neutro. Specialmente se la tua ha un arredamento di ispirazione scandinava o minimal, prova ad appendere un grande quadro con colori vivaci. Il risultato sarà sorprendente!

Le cornici sono importanti quanto i quadri

Una cornice efficace dovrebbe attirare lo sguardo sull'opera, senza disturbarne la visione. L’attenzione deve essere focalizzata sul soggetto del quadro. Solo in un secondo momento l’osservatore si soffermerà a visualizzare l'opera nella sua interezza.

Una cornice troppo elaborata può sminuire l'opera. Le ultime tendenze parlano di cornici basic e minimali, dalle linee semplici e sottili.

Se vuoi dare un tocco più originale ai tuoi quadri, puoi scegliere tele senza cornice. Sembreranno appena uscite dal laboratorio dell’artista! Spero che questi piccoli consigli ti saranno utili.

Per continuare al conversazione, scrivimi su Facebook!

Trova l'ispirazione giusta per la tua casa, guarda tutti i quadri firmati L’Oca Nera.